Progetto ospedali

Burkina Faso, ospedali a misura (e a disegno) di bambino

La premessa

Una struttura sanitaria destinata ai bambini e alle loro famiglie non può limitarsi ad offrire cure mediche. Gli ambienti non devono solo suggerire l’idea di un luogo di sofferenza. L’uso di immagini e di colori sono elementi necessari a rendere la permanenza nella struttura sanitaria il più possibile rassicurante per i piccoli pazienti. Tutto ciò, se valido sempre e dovunque, viene ad avere un impatto rivoluzionario in una realtà come quella dell’Africa e in particolare del Burkina Faso, uno dei Paesi più poveri al mondo. In tale situazione, l’idea di affrescare gli ambienti destinati alla degenza dei bambini con immagini, colori e disegni per loro stimolanti, non ha solo lo scopo di tener conto degli aspetti psicologici ed emotivi dei bambini ricoverati, ma possiede una valenza più ampia.

L’obiettivo

La struttura sanitaria vista non solo come luogo di cura, ma come luogo dove costruire una cultura di difesa dei diritti dei bambini. Nella situazione drammatica di un Paese africano, in cui la sofferenza e la miseria fanno parte del vivere quotidiano, una struttura sanitaria bella oltre che efficiente assume un significato ben specificoper tutti coloro, bambini o adulti, che vi si trovano a passare: un segno di speranza, la visione di un mondo diverso possibile. Questo non si potrebbe realizzare senza l’utilizzo di uno strumento come quello dei disegni e dei colori, un linguaggio universale capace di superare differenze culturali e di arrivare anche agli adulti disposti ad ascoltarlo: l’arte quindi come strumento per educare le coscienze alla pace. Dove L’idea è nata visitando due strutture sanitarie presso i villaggi di Boussé e Nanoro dove AfricaGriot già è presente con il progetto di Sostegno a Distanza in collaborazione con le missioni lì presenti delle Suore Apostole del Sacro Cuore. Le strutture coinvolte nel progetto sono:

  • il CREN (Centro di Recupero e di Educazione Nutrizionale) operante presso la missione nel villaggio di Boussé,
  • il nuovo Reparto Pediatrico del Centro Medico con Antenna Chirurgica nel villaggio di Nanoro. reparto in corso di costruzione.

Quando

  • Agosto 2008: dal 18 al 25 agosto, presso il Cren di Boussé, è stata realizzata la prima parte del progetto: l’affrescatura delle tre stanze di degenza destinate ai bambini denutriti e alle loro mamme provenienti dal villaggio di Boussé e da quelli della zona circostante. Oltre alle stanze siamo intervenuti anche sullo spazio esterno destinato alla preparazione del pranzo per i bambini, utilizzando come tema unificante i quattro elementi: terra, aria e acqua a ciascuno dei quali era dedicata una delle stanze di degenza, e il fuoco che contraddistingueva lo spazio cucina.
  • Marzo 2009: il 12 e 13 marzo completamento del Cren. E’ stata stesa sulle pareti una vernice trasparente, protettiva e lavabile. Il 14 marzo, invece, è stato dedicato a un sopralluogo all’ospedale di Nanoro per osservare e valutare i lavori di costruzione del reparto pediatrico e programmare l’intervento sulle otto stanze di degenza, la sala rianimazione, la sala giochi, il refettorio, la sala docce per i bambini, la sala d’attesa e, infine, l’esterno della sala giochi.
  • Agosto 2010: terminata la costruzione della pediatria di Nanoro nel corso del 2009, d’accordo con la direzione dell’ospedale, abbiamo programmato un primo intervento di affrescatura per il mese di Agosto 2010. Ringraziamo Bevo Acqua Italia srl, azienda di Prato specializzata in trattamenti bio-tecnologici per l’acqua (www.bevoacqua.it) per il contributo economico e il sostegno datoci per la realizzazione di tale intervento.

Cosa cerchiamo

  • Fondi, innanzi tutto. E’ un progetto impegnativo per realizzare il quale abbiamo bisgono dell’aiuto di tutti. Per chi volesse effettuare una donazione, le coordinate bancarie sono: AfricaGriot onlus – IBAN – IT02 B052 1638 0800 0000 0094 723.
  • Persone. Per promuovere l’iniziativa e cercare finanziamenti, ma non solo. Per la realizzazione delle affrescature, vengono organizzati dei campo di lavoroChi fosse interessato può contattarci via email all’indirizzo: info@africagriot.org.

In ogni caso, se volete contribuire o rendervi disponibili a darci una mano, rivolgetevi ai nostri recapiti. Sarete i benvenuti.

Galleria fotografica: